venerdì 27 novembre 2020

STRUDEL TRENTINO DI MIA MAMMA

 




Mia mamma ha vissuto tanti anni in Trentino 
in Val di Sole, anche lei spesso ha usato la pasta sfoglia nello strudel,
ma quando  preparava quello "vero" era il mio preferito!

L'aspetto dello Strudel  tradizionale Trentino, diciamocelo è poco invitante e  un po' bruttino,

con la pasta sfoglia pronta ,l'aspetto migliora ,è un po' piu' gonfio e lucidino, ma chi ha assaggiato quello tradizionale conosce bene la differenza ,la pasta, è guscio appena croccante molto piu' leggera, unto solo da  una spennellata di burro prima di infornarlo, 

è velocissima da fare, si fa prima a impastarla da zero che ad aprire il rotolo di sfoglia! 

Credo che questo dolce sia l'esempio lampante che " bello non significa buono" e viceversa, sarà che adoro i dolci con le mele, ma per me è una vera bontà.

Anche chi è a dieta, o ha problemi di  glicemia alta può mangiarlo senza troppi sensi di colpa, certo c'è parecchia frutta secca, ma una fetta di questo dolce, ha certamente meno peccati di quel che si pensa.

Sia che si scelga la pasta tradizionale o la sfoglia, un paio di trucchi assolutamente validi ci sono, 

uno è quello di usare mele Golden vecchie, avete presente quando la buccia è grinzosa? ecco è il momento perfetto quindi acquistatele poi lasciatele fuori dal frigo almeno una settimana e otterrete un ripieno dolcissimo anche con pochissimo zucchero, e non "bagnato" come spesso accade , rendendo difficoltoso il taglio senza farlo fuoriuscire .

L'altro è preparare il ripieno con un giorno di anticipo, così lo zucchero farà fuoriuscire tutta l'acqua dalla frutta ,poi va scolato e strizzato.

La pasta si può avvolgere a pacchettino come ho fatto io o arrotolarla una volta cosparso il ripieno (strudel, infatti significa vortice, credo che sia riferito  alla pasta arrotolata) .


INGREDIENTI  

Per la pasta

  • 200 g di farina 00 piu' quella per la spianatoia,
  • 2 cucchiai di acqua fredda,
  • 2 cucchiai di grappa (l'alcool in cottura evapora del tutto).
  • 2 cucchiai di zucchero + 1 per la finitura,
  • 1 uovo medio,
  • 1 pizzico di sale,
  • 1 cucchiaio di olio di semi o di oliva leggero,
Per il ripieno
  • 2 mele Golden possibilmente molto mature,
  • 1 limone Bio,(succo e buccia),
  • 100 g di frutta secca tra uvetta, noci, pinoli, 
  • 1 cucchiaio di grappa,
  • 2 cucchiai di miele,
  • 2 cucchiai di pangrattato,
  • 2 cucchiai di zucchero,
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere o meglio ancora di misto spezie per biscotti (cannella, zenzero, chiodi di garofano, noce moscata).
Finitura
  • 1 piccolissima noce di burro ,
  • Zucchero a velo.
PROCEDIMENTO
preparate prima il ripieno
-Ammollate l'uvetta in acqua tiepida e grappa ad ammorbidirsi.
-Tostate i pinoli .
-Tritate a coltello grossolanamente le noci.
-Sbucciate le mete e tagliatele a pezzetti molto piccoli,1 cm circa, metteteli in una ciotola capiente insieme al succo e la buccia grattugiata del limone, le spezie, il miele, il pan grattato, lo zucchero, uvetta, pinoli , le noci  , mescolate per amalgamare tutto, coprite con pellicola e trasferite in frigo e lasciate riposare almeno 2 ore.

-In una ciotola ( o nel mixer) unite tutti gli ingredienti per la pasta impastate fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico, avvolgetelo con pellicola e mettetelo in frigo a riposare .

-Stendete la pasta su carta da forno infarinata, e dategli una forma rettangolare ,a misura leggermente piu' piccola della leccarda del forno . 
-Spolverizzate la parte centrale di pan grattato, e distribuiteci sopra il ripieno, lasciando libero un bordo ai lati di circa 2/3 cm per parte, ripiegate verso l'interno i bordi lasciati liberi, e ripiegate a pacchetto anche gli altri 2 lembi grandi orizzontali, dopo, aiutandovi con la carta forno, capovolgetela in modo che l'aggiunta rimanga sotto.
-Spennellate lo strudel con il burro sciolto e cuocete a 170 ° per 30/35 minuti.
-Lasciate raffreddare su una gratella e spolverizzate con zucchero a velo.
Provatelo, è davvero buonissimo!
Ciao!
Simona




giovedì 26 novembre 2020

OLIO PICCANTE DI PEPERONCINO

 


Avrò provato un milione di volte a fare l'olio al peperoncino e nonostante sterilizzassi tutto accuratamente dopo un paio di mesi si formava la muffa.. una rabbia che non vi dico, anche perchè uso sempre olio davvero buono (e quindi non certo economico) quindi ho lasciato perdere ,

in tante volte che ho provato, mai ,dico mai una volta che mi sia venuto in mente di cuocere i peperoncini ! Se non fosse per uno di quei video che girano su you tube non avrei neanche riprovato.

A pensarci bene, è ovvio..perchè non si formi la muffa bisogna eliminare tutta l'aria, quindi tutti gli elementi devono passare la bollitura che brucia l'ossigeno, infatti l'ho fatto molti mesi fa, e funziona!

Poi quest'anno abbiamo piantato in balcone 4 piante di peperoncino, che si sono rivelate super prolifiche infatti nonostante sia Novembre, ne continuano a spuntare, quindi ho preparato la scorta per tutto l'anno e anche qualche bottiglietta da regalare.

Volendo si possono aggiungere anche aglio o origano, ma se usate l'aglio fresco dovrete toglierlo prima di imbottigliarlo, se invece usate l'aglio disidratato non ci saranno problemi, io consiglio quest'ultimo.

INGREDIENTI per 500 ml. di olio (molto piccante)

500 ml di olio extra vergine d'oliva,

4 cucchiaini di peperoncino essiccato.

PROCEDIMENTO

-In un pentolino  mettete il peperoncino, aggiungete olio appena l'indispensabile a coprire il peperoncino, se volete aggiungere l'aglio mettete un paio di spicchi tagliati a metà o un cucchiaino di origano secco.

-Accendete il fuoco a fiamma bassa e cuocete il peperoncino fino a che l'olio inizia a soffriggere, circa 5 minuti, poi spegnete il fuoco , togliete l'aglio se l'avete messo (lasciandolo dopo un pò di tempo diventerebbe acido).

-Lasciate intiepidire un paio di minuti poi versatelo nella bottiglia (o suddividetelo in 2 bottigliette), aggiungete il resto dell'olio ,chiudete con il tappo e scuotetela un paio di volte e trasferite in dispensa al buio per un paio di settimane, scuotendo la bottiglia ogni 2 giorni circa.

-Ora potete decidere se filtrarlo, o se lasciare i peperoncini sul fondo, io preferisco lasciarlo perchè rabboccandolo con una bottiglietta da 250 ml, riesco sempre a farmelo bastare per un anno.

Etichettate ,infiocchettate e regalate!

Ciao!

Simona

martedì 24 novembre 2020

BESCIAMELLA ,TRADIZIONALE E VEGANA

 


Ma tè, la sai fare la besciamella?

Questa frase dello Chef Bruno Barbieri, è piu' famosa delle sue ricette e dei suoi ristoranti.

Una frase così, può sembrare una battuta simpatica, specialmente se pronunciata in Bolognese verace, ma non è una battuta proprio per nulla,

anzi, oserei dire che racchiude saggezza allo stato puro, la Besciamella in Emilia viene usata piu' della salsa di pomodoro.. lasagne, pasta al forno ,verdure gratinate ecc.. quindi è una base.

Tè la sai fare la besciamella? se non la sai fare è inutile che ti dedichi ai vari tipi di cucina, e fare il figo con ingredienti strani e introvabili se poi non conosci le basi, non le ricette ma proprio le tecniche,

questo direi che vale per tutte le cose, in tutti i campi, come ad esempio

 l'inutilità di parlare con termini anglofoni per fare il figo  se non parli l'italiano.. quindi non mi parlare con termini tipo problem solving, crowd founding, feedback, location se poi tiri fuori un .. "se io avrei "

(fine momento filosofico 😂)

Tornando a noi.. la Besciamella sembra facile, e se la sai fare lo è anche, in fondo è solo una salsa a base di burro, farina e latte ..che però se non fai con le dosi e modi giusti in un momento può trasformarsi in un a brodaglia grumosa  tipo colla da parati.

 Io ho imparato a farlo seguendo la ricetta di un libretto di ricette che ha di sicuro piu' di 35 anni scritto da Elena Spagnol ,e se la seguirete anche voi, in 5 minuti otterrete sempre una salsa liscia e fluida al punto giusto, molto piu' buona di quella comprata.

                              Questa foto fa schifo ,lo so, ma è l'unica che ho per far vedere la densità

INGREDIENTI   versione classica          vegetariana                      vegana

-500 ml di latte intero                            500 ml latte intero           500 ml latte di soya o riso

-50 g di burro                                         50 g di olio di oliva         50 g di olio di oliva

-50 g di farina 00 o 0,sale,noce moscata per tutte e tre le versioni , chi ha problemi di glutine, può sostituire la farina di grano con quella di riso. 

      

-In un pentolino a fondo spesso sciogliete il burro (o scaldate l'olio), aggiungete in un colpo solo la farina e spostate dal fuoco, mescolate velocemente fino ad ottenere una crema abbastanza solida.

-Aggiungete appena un cucchiaio di latte, e stemperate bene  mescolando fino alla completa eliminazione di grumi, poi ancora un paio di cucchiai di latte e mescolate ,continuando ad aggiungere piccole quantità di latte sempre girando bene  fino a esaurirlo.

-Ora aggiungete sale, e una grattata di noce moscata a piacere (c'è chi mette anche il pepe).

-Riportate sul fuoco a fiamma bassa e continuate a girare con una frusta a mano, appena inizia a formarsi una crema fluida spegnete, (calcolate che con il raffreddamento  indurisce un po'  ) e versatela subito in un contenitore di ceramica o vetro altrimenti nel pentolino caldo continua la cottura  .

Così potrete rispondere sì, la besciamella la so fare!

Ciao!

Simona


PANE E MELE

 




Cerco sempre di non buttare il pane rimasto, proprio non ce la faccio, e cerco sempre di utilizzarlo in mille modi,

avevo qualche fetta di pane casereccio da smaltire, o ci facevo dei cubetti da bruschettare per utilizzarli nelle zuppe oppure..

io avevo voglia di dolce, non calorico, ma goloso, è stato un esperimento riuscitissimo,

si lo so l'aspetto non è dei migliori, ma posso garantirvi che è davvero buonissima, ed entra di diritto nei must della categoria "non si butta via niente!

Seguendo i link qui sotto troverete altre ricette di riciclo del pane

Torta di pan grattato

Polpette di pane

Pane,zucca e pecorino

Focaccia di pane raffermo



INGREDIENTI per uno stampo diametro 22

  • 6/7 fette di pane raffermo,
  • 1 mela abbastanza grossa, o 2 medie,
  • 100 g di purea di mele ai mirtilli (quelli in scatolette che vendono al super senza zucchero),
  • 2 cucchiai di succo d'agave o miele,
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere,
  • 1 pizzico di zenzero in polvere,
  • 1/2 bicchiere d'acqua,
  • 1/2 arancia Bio,
  • 2 cucchiaio di miele per lucidare alla fine.

PROCEDIMENTO

-Spezzettate il pane in cubetti molto piccoli e metteteli in una ciotola capiente.

-In un barattolo con chiusura ermetica, mettete l'acqua, le spezie, il succo d'agave ,il succo e la buccia grattugiata dell'arancia, chiudete con il tappo e "shakerate" per qualche minuto.

- Con il mix liquido irrorate il pane, mescolate un po' e lasciatelo riposare sui 30 minuti.

-Ungete e rivestite una teglia con pan grattato, e accendete il forno a 180° statico.

-Distribuite il pane ben strizzato sul fondo della teglia, cercando di compattarlo bene senza buchi, fate uno strato di almeno 2,5 /3 cm.

-Cospargete la base di pane con la purea di mele.

-Tagliate le mele a fettine sottili e fatene due strati sopra alla purea di mele, e spennellate la parte superiore con miele o succo d'agave.

-Cuocete per 35/40 minuti ,poi prima che si raffreddi  tornate a lucidare la superficie di mele con miele scaldato (non omettete questo passaggio altrimenti le mele anneriscono.

Ps: se non avete problemi di zuccheri, potete sostituire la purea di mela con confettura di mirtilli o frutti di bosco.

Provate poi fatemi sapere!
Ciao!
Simona




domenica 22 novembre 2020

MILLEFOGLIE DI ZUCCA E SCAMORZA AFFUMICATA

 



Mammamiaa!! se vi piace la zucca, questa ricetta non potete lasciarvela scappare!

E' troppo anzi troppissimo buona! di facilissima e veloce preparazione ma assolutamente goduriosa.

Per gli strati io ho utilizzato  le Lingue di suocera ( QUESTE ),ma va benissimo sia il pane carasau, che si trova in tantissimi supermercati, oppure il pane da tramezzini schiacciato molto bene con il mattarello e la zucca va messa a crudo, quindi come sempre la cosa piu' complicata è togliere la buccia ..e vista la fatica che si fa a toglierla non buttatela via ma utilizzatela per fare le  CHIPS DI ZUCCA.. così avrete anche uno stuzzichino per l'aperitivo.

NIENTE DOSI ! regolatevi voi a seconda della teglia che utilizzerete, io vi metto le quantità che ho utilizzato per una teglia  diametro 20.



INGREDIENTI

  • 4 Sfoglie del pane che avete scelto di utilizzare,
  • 500 g di zucca pulita, (400 g tagliata a fettine sottili meno di mezzo centimetro, e 100 g a cubetti piccolissimi),
  • 4 cucchiai di porro a cubetti e saltato in padella con appena un filo d'olio (un pezzetto da circa 10 cm),
  • 150 g di scamorza affumicata tagliata a cubetti piccolissimi,
  • 4 /5 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 3 cucchiai di pangrattato,
  • qualche aghetto di rosmarino,
  • sale, pepe, olio extra vergine d'oliva.

PROCEDIMENTO

-Accendete il forno a 190° statico.

-Ungete una teglia e rivestitela di pangrattato.

-Appoggiate sulla teglia una sfoglia di pane, copritela completamente con le fettine di zucca, aggiungete un cucchiaio di cubetti di porro cotto, condite con sale e pepe poi cospargete un quarto della quantità di scamorza, una spolverata di parmigiano poi coprite con un'altra sfoglia di pane.

-Continuate a stratificare (ricordatevi di condire la zucca in ogni strato) e terminate con la zucca a cubetti, una spolverata di pangrattato unita al parmigiano e cospargete il rosmarino e un filo d'olio.

-Cuocete per 30/35 minuti.

e' un piatto unico, davvero perfetto per gli amanti della zucca come me!

Ciao!

Simona

venerdì 20 novembre 2020

TORTA DI CAROTE DI TERRY

 



Dling dlong !! Torta 5 minuti, forse meno!

Tutta nel mixer, non sporcherete niente altro che un cucchiaio!

Otterrete una torta morbidissima ,golosa e umida per piu' giorni, perfetta per il tè e la colazione ma anche a fine pasto.

Per questa magia possiamo ringraziare la mia amica Terry del blog

I pasticci di Terry, e lo scambio ricette di Novembre delle Bloggalline , appuntamento mensile in cui vado a curiosare a casa della Blogger che mi è stata assegnata.

Provatela questa torta, è davvero speciale!

INGREDIENTI per uno stampo diametro 22

  • 375 g di carote (pesate già pulite),
  • 145 g di farina 0,
  • 50 g di farina di mandorle ,
  • 45 g di fecola di patate,
  • 150 g di fruttosio (Terry 195 g di zucchero),
  • 120 g di olio di semi,
  • 2 uova ( Terry 3),
  • 1 arancia Bio (tutta la buccia e il succo di metà, Terry non ha messo il succo),
  • 1 bustina di lievito per dolci,
  • 1 pizzico di sale fino,
  • Zucchero a velo per decorare


PROCEDIMENTO:

-Accendere il forno a 170°

-Ungere e infarinare lo stampo.

-Pulite le carote e mettetele a pezzi nel mixer (oppure nel frullatore),insieme all'olio, azionatelo fino ad ottenere una crema.

-Aggiungete le uova ,la buccia grattugiata dell'arancia e il succo di metà.

-Setacciate la farina con il lievito e la fecola di patate, aggiungetele allo zucchero ,alla farina di mandorle e il sale.

-Unite il mix di polveri alla crema di carote, poco alla volta a cucchiaiate, mescolando fino ad ottenere un impasto omogeneo (sarà molto liquido).

-Versate l'impasto nello stampo, e cuocete per 50 minuti (Terry dice 35/40),ma io ho fatto la prova stecchino ed era ancora bagnato, quindi consiglio anche a voi di fare la prova  prima di spegnere.

-Lasciate raffreddare e decorate con zucchero a velo, poi preparatevi una bella tazza di tè.

Ciao!

Simona



mercoledì 18 novembre 2020

BUDINO DI CACHI

 



Nel giardino della casa dove ho abitato fino a 10 anni fà c'era una pianta di cachi,

un alberino piccolo, ma produceva cachi a quintalate! Abbiamo distribuito cachi a tutto il vicinato,

parentado e colleghi di lavoro a casse, neanche avessimo una piantagione!

A me i cachi non sono mai piaciuti, non è  il gusto, ma la consistenza viscida proprio non la gradisco, quindi da quando ho cambiato casa non mi sono mi soffermata a leggere ricette che lo comprendessero ma ieri mia sorella me ne  ha regalati 3,e io faccio una fatica a sprecare il cibo che non vi dico!

Evidentemente qualche ricetta con i cachi mi deve essere rimasta in mente , perchè ieri come li ho avuti li ho pelati e messi nel frullatore con il cacao ed è stato innamoramento alla prima cucchiaiata, se poi come me amate il gusto fondente del cacao è assolutamente da provare ..ed è a zero grassi e zero zuccheri, e mi sono data anche della scema..18 anni con cachi per tutti e mai che mi sia venuto in mente di usarli per qualche dessert!

quindi ideale per chi è a dieta o deve tenere a bada la glicemia, per chi è celiaco e anche per chi è intollerante al lattosio ..è per tutti!

La ricetta ? davvero complicatissima!

Per 4 porzioni

  • 2/3 cachi abbastanza grandi,
  • 30 g di cacao amaro
  • per guarnire panna vegetale
-Sbucciate i cachi, metteteli nel frullatore con il cacao e azionatelo fino ad ottenere una crema fluida,
versatela nelle coppette e lasciatela in frigo almeno 3 ore.

Fatto!..il resto (la panna montata) è facoltativo.

Al momento di servire, se volete, aggiungete panna montata (io ho usato quella vegetale, ma vanno bene tutte) e una spolveratina di cacao.
Provatela è davvero goduriosissima!

Ciao!
Simona

martedì 17 novembre 2020

LINGUE DI SUOCERA E STREGHE



Lo so che piu' di una ricetta sembra una formula alla Harry Potter, ma giuro che non è cosi' !

Tempo fa, il 21 Marzo, in pieno lockdown quando tutta Italia era in crisi d'astinenza da lievito di birra,  ho pubblicato su Facebook ,la foto del gnocco fritto, Nicoletta Negri del blog 

Is cooking passion mi ha chiesto la ricetta e tra una chiacchiera e l'atra tra farine, lieviti, fritture ecc.. è stata così carina che mi ha inviato questa ricetta , 

tra blogger questo è normale, lo spirito primario del blogging è proprio la condivisione, poi volendo c'è tutto il resto, insomma è stato uno scambio molto carino.

Poi inizio a scrivere la ricetta,e sono andata a cercare il suo blog, per mettere il link come si DEVE fare, se copi  una ricetta.. e cosa scopro??

Che Nicoletta è  l'autrice di un sacco di libri di cucina che ho  in casa! cioè non una come me che scrive così per hobby o piacere personale, chiamatelo come volete.. ma lei è una seria!! 


Comunque.. FIDATEVI queste lingue di suocera sono uno spettacolo, è un pane croccante che se non stai attenta te ne mangi un kilo senza rendertene conto ,classificata immediatamente  nella categoria "ricette da fà!" .

 Prima di tutto..si sporcano solo una ciotola e un cucchiaio (volendo neanche quello perchè puoi mettere tutto insieme in planetaria o nel mixer) e scusate se è poco!

Poi queste "cose" croccanti, che rimangono tali per un sacco di giorni se li tenete in sacchetti di cellophane ben chiusi sono una vera comodità, spezzettate per l'aperitivo, da sgranocchiare davanti alla tv, per sostituire il pane a pranzo e cena ..un vero jolly,.. e potete fare anche dei bei sacchetti da regalare a Natale, i vostri amici vi saranno grati! se le accompagnate a una bottiglia di bollicine avrete un regalo perfetto.

La differenza tra Lingue di suocera e Streghe, sta solo nella forma, per queste ultime si tira una sfoglia grande e con la rotella per la pizza si taglia a rombi, mentre per le Lingue di suocera si fanno piccole porzioni di pasta e si tirano per il lungo singolarmente.


INGREDIENTI per circa 20 pezzi grandi sui 25 cm (sono 4 teglie, ma non pensate che siano troppe!

si possono cuocere 2 teglie insieme)

  • 250 g di farina 0 piu' quella per la spianatoia,
  • 60 g di burro morbido,
  • 30 g di strutto,
  • 120 g di acqua,
  • 10 g di lievito di birra fresco,
  • 2 cucchiaini di sale.

-Impastare tutto insieme per una decina di minuti, fino ad ottenere un impasto liscio  e morbido,
rimettetelo nella ciotola , copritela con pellicola e lasciarlo fermo per almeno un'ora in luogo tiepido, (io l'ho lasciato  per tutta la notte, ho avvolto il recipiente in una coperta).

-Dopo il riposo, fate delle palline da circa 25grammi ,poi appoggiatele sul tagliere infarinato e tiratele con il mattarello per il senso della lunghezza ,ad uno spessore sottilissimo ,circa 2 mm, si può usare anche la macchinetta per la pasta, ma è un impasto che si tira benissimo anche a mano, trasferitele sulla teglia rivestita di carta da forno, poi bucherellatele con i rebbi di una forchetta o uno spiedino.

-Se volete fare le streghe tirate direttamente sulla carta da forno leggermente infarinata delle sfoglie grandi come la leccarda del forno, e sottile quanto per le lingue di suocera, con la rotella tagliate i rombi e bucherellateli (non spostateli, dopo la cottura si staccheranno subito)

-Cuocetele in forno statico a 180° per 10 minuti, devono essere appena dorate.

-Lasciatele raffreddare, e assaggiate, poi fatemi sapere, quanto durano!
ciao!
Simona










lunedì 16 novembre 2020

CASSONE ROMAGNOLO

 



Vi piaaze la piadina romagnooola ? Mo aloora il cassone romagnolo vi piazerà di piu'!

E' infatti un "calzone" fatto con la pasta della piadina che si può farcire  in mille modi,

i piu' tradizionali sono ,prosciutto e formaggio o erbette  e mozzarella ,io l'ho farcito con cime di rapa e scamorza, perchè quelli avevo in frigo, ma se volete una versione davvero buonizzzzima, la mia preferita è zucca e scamorza affumicata, se vi piace la zucca la dovete provare!

Si possono servire in varie occasioni, come piatti unici, per le cene informali davanti alla tv o in un buffet, se li fate piccolini a misura di "sofficino" sono perfetti per l'aperitivo come finger food.. praticamente sono perfetti sempre!

Una volta cotti i cassoni si possono congelare, basteranno 20 minuti di forno a 170° e sembreranno appena fatti.

Ps: io li preparo con l'olio di oliva, ma la ricetta tipica prevederebbe lo strutto, nelle dosi ho messo l'equivalenza, poi scegliete voi come farli.

INGREDIENTI per 4 cassoni

Per la pasta

  • 400 g di farina 0,piu' quella per la spianatoia ,
  • 40 g di olio extra vergine di oliva ( o 30 g di strutto),
  • 1 punta di cucchiaino di bicarbonato,
  • 1 cucchiaino raso di sale fino,
  • 250/300 ml di acqua (dipende dall'assorbimento della farina).

Per il ripieno

  • 8 cucchiai di verdura lessata e ben strizzata (spinaci, cime di rapa, biete, o zucca cotta al forno) ,
  • 8 cucchiai di scamorza tagliata a cubetti piccolissimi (o mozzarella da pizza, edam, scamorza affumicata).
PROCEDIMENTO

Unite farina, bicarbonato, olio e sale  nel mixer (o a mano in una terrina o in impastatrice) ,con metà dell'acqua, azionatelo a bassa velocità e aggiungete acqua poco alla volta fino a che l'impasto si stacca dalle pareti e sarà perfettamente incordato, dovrete ottenere un impasto ben sodo ed elastico (si ammorbidirà con il riposo), lavoratelo ancora un paio di minuti a mano, formate un panetto e copritelo con una campana poi lasciate riposare almeno 30 minuti.

-Dopo il riposo, dividete l'impasto in 4  parti formate delle palline e mentre ne tirate una tenete coperte le altre affinchè non si secchi la pasta.

- Infarinate leggermente la spianatoia e tirate ogni pallina di pasta con il mattarello cercando di dargli una forma tonda (a ogni tirata girate la pasta di 45 gradi in senso orario) fino a uno spessore di 3 mm circa, e otterrete una piadina.

-Farcite metà delle piadina con 2 cucchiai di verdura e 2 di formaggio  lasciando libero un bordo di 2 cm.

-Chiudete  i cassoni a mezzaluna e sigillate bene i bordi usando i rebbi di una forchetta.

-Scaldate una piastra di ghisa o una padella antiaderente (dovrà essere rovente) e cuocete i vostri cassoni 2 minuti per ogni lato, e con una pinza teneteli in piedi almeno 1 minuto in modo che si cuocia bene anche il fianco.

Serviteli caldi.. magari metteteci accanto 1 bicchiere di Sangiovese,

o una birretta!

Ciao !

Simona

domenica 15 novembre 2020

TIRAMISU'



Non credo di aver mai conosciuto nessuno che non apprezzi il Tiramisu'.
E' da sempre il dolce " delle feste", eppure è di facile preparazione, forse è solo per il fatto dipende dalle dodicimila calorie che apporta.. infatti si spalmano sulle cosce prima ancora di terminare l'ultimo cucchiaino!
 
Ne esistono duemila ricette, da quello alle fragole, a quello light con lo yogurt o ricotta e chi ci aggiunge la panna per " alleggerirlo" cioè per incorporare piu' aria .
Comunque  credo che chiunque lo sappia fare, e probabilmente questo post è inutile, ma questa è la ricetta classica,
è così che lo preparo io, con pochissimo albume, così risulta piu' cremoso.. ha decisamente una consistenza diversa.
Una premessa importante !
le uova devono essere freschissime e biologiche, se lo preparate in Estate è sconsigliato usare uova non pastorizzate, essendo a base di uova crude  si può rischiare la Salmonellosi.




INGREDIENTI  per 6 bicchierini monoporzione  o uno stampo 
 da cm 20 x 24

  • 12  Savoiardi ,
  • 4 tazzine di caffè espresso o da moka freddo.
  • 400 g di mascarpone,
  • 4 tuorli
  • 2 albumi,
  • 8/9 cucchiai di zucchero semolato,
  • 2 cucchiai di  Brandy ,
  • 3 cucchiai di cacao amaro.
PROCEDIMENTO

-Iniziate preparando il caffè, e fatelo raffreddare.

-Separate i tuorli dagli albumi e  montatene due a neve fermissima .

-Montate i tuorli con lo zucchero, dovranno diventare chiarissimi e raddoppiare il volume.

-Aggiungete il mascarpone e il cognac (se lo mettete) alla crema di tuorli e continuate a montare.

-Quando sarà tutto ben amalgamato iniziate ad aggiungere gli albumi montati a neve poco alla volta, mescolando a mano delicatamente dal basso verso l'alto.

Assemblaggio del Tiramisu' 


-Spezzate a metà i savoiardi (nei bicchierini, interi non ci stanno!),se preparate una terrina ovviamente saltate questo passaggio.

-Prendete 2 mezzi savoiardi per ogni bicchierino, tuffateli velocemente nel caffè, in modo che si impregnino  ma non si sfaldino e posizionatele nel fondo di ogni bicchiere.
-Versate sui savoiardi inzuppati una cucchiaiata di crema di mascarpone (per fare prima potete usare una sac a poche (o un sacchetto per alimenti forato in un angolo) così non sporcherete i lati dei bicchieri).

-Fate un' altro strato di savoiardi inzuppati e uno di crema.

-Usando un colino a trama fitta, cospargete il cacao sull'ultimo strato.

-Coprite i bicchierini con pellicola e metteteli in frigo per almeno 2 ore.
Potete conservarlo in frigo 24 ore, ma se lo preparate con piu' giorni di anticipo è meglio in freezer,ed effettuate lo scongelamento in frigo almeno 3 ore prima di servirlo.

Note: quasi tutti usano lo stesso numero di albumi e tuorli, io su 400 g di mascarpone ne uso al massimo 2 ,se sono uova grandi anche uno solo, a noi piace molto cremoso e non molto aerato, e anzi ho visto  da una Cesarina di Treviso che di albumi non ne usa proprio ..e il Tiramisu' è il dolce  tipico di Treviso.

Ciao!
Simona

sabato 14 novembre 2020

PAN DI SPAGNA

 



Pan di Spagna, 

un classico base di infinite ricette di torte e dessert, intramontabile proprio per la sua versatilità. Zuccotti, Zuppa Inglese ,Saint Honorè, Mimosa e mille altre, hanno tutte questa base e comunque farcito con qualsiasi crema e decorato con frutta fresca  si otterrà sempre una torta buona e che "fa figura", non contiene un grammo di grassi e volendo si può sostituire lo zucchero con fruttosio o stevia ..quindi andrà bene sia per chi è a dieta o diabetico.

Se preferite la variante al cacao, sostituite 30 g di farina con lo stesso peso di cacao amaro setacciato insieme alla farina.

La ricetta è di Iginio Massari, che mi è simpatico quanto una cistite, ma non c'è che dire ,il suo lavoro lo fa egregiamente, se avrete la pazienza di montare bene, bene, benissimo le uova otterrete un pan di Spagna alto e soffice. 

INGREDIENTI per uno stampo diametro 22 o rettangolare 25x20

  • 150 g di farina 00,
  • 50 g di fecola di patate,
  • 200 g di zucchero,
  • 300 g di uova intere,
  • buccia grattugiata di mezzo limone,
  • 1 pizzico di sale .


PROCEDIMENTO

-Accendere il forno a 170 ° statico.

-Ungere e infarinare lo stampo (o rivestirlo bene con carta da forno).

-Unite farina e fecola ,mescolate bene e setacciateli almeno 2 volte.

In una ciotola unite uova e zucchero, montarle benissimo usando la planetaria o le fruste elettriche, devono piu' che raddoppiare il volume e diventare una nuvola leggerissima e chiara (occorrono circa 20 minuti).

-Unite poco alla volta anche le farine, sempre continuando a montare.

-Appena terminato di inserire le farine, versate nella teglia e cuocete per 35/40 minuti , ma senza MAI aprire il forno prima dei 35 minuti, dopo questo  tempo fate la prova con lo stecchino .

-Per farcirlo dovrà essere completamente freddo, tagliatelo con un coltello a lama seghettata ,o con il filo .

Lasciatelo raffreddare su una gratella, e sarà pronto per essere farcito!


Ciao!

Simona



venerdì 13 novembre 2020

CIOCCOBUMBA,LIQUORE AL CIOCCOLATO

 




Lo so che non  c’è  cioccolato ma solo cacao, ma io che sono  astemia, quando preparo questo liquore a forza di ciucciarmi  le dita, una goccia qui un poco là, arrivo alla fine dell’imbottigliamento con lo sguardo di Kaa e mooolta allegria. E'  goloso come cioccolato fuso ..una vera Cioccobumba!

Se fuori c’è freddo freddo ,vi scaldate in un attimo e sarà la piu’ golosa delle cioccolate in tazza, 

anche  un dolce insignificante diventerà speciale (ovviamente NOT for babies..e’ un liquore!)..oppure tuffateci un biscottino e avrete un dopocena pronto.

Mia sorella l’ha preparato tantissimi anni fa e l’aveva chiamato liquore Slurp, voi provatelo e lasciatevi ispirare.. chissà cosa mi tirate fuori!  poi ditemelo eh?

Non è un perfetto regalo di Natale ?.







INGREDIENTI per circa 2 litri di Cioccobumba

  • 1 lt di latte intero,
  • 250 g di alcool ,
  • 180 g di cacao,
  • 1 kg di zucchero,
  • 3 tazzine di caffe' espresso,
  • 1 bacca di vaniglia.
PROCEDIMENTO
  • In una pentola di acciaio a fondo spesso unite zucchero e cacao, mescolate bene fino a eliminare tutti i grumi, cominciate a versare il latte, amalgamando bene ,accendete il fuoco e aggiungete i semi della bacca di vaniglia ,e il caffè .
  • Continuate a mescolare fino al completo scioglimento dello zucchero ,occorreranno circa 20 minuti.
  • Coprite con un coperchio e lasciare raffreddare completamente (io l'ho lasciato riposare 1 notte),
  • Ora aggiungete l'alcool, amalgamate bene ,e imbottigliate in bottiglie precedentemente sterilizzate.
  • Lasciare riposare per 15 giorni ed è pronto!
Ciaoo!! Hic..
Simona

giovedì 12 novembre 2020

PALET BRETON

 



I Palet Breton.. o Sablè Breton, sono all'apparenza innocui frollini, provenienti dalla Bretagna, neanche tanto belli da vedere, rustici, molto spessi.

Tu vai da quelle parti e vuoi acquistare un souvenir? hai 3 possibilità : Burro, Sidro e Biscotti.. oppure le calamite da attaccare al frigo!

Vi posso garantire che se acquisterete tutti e quattro gli articoli, al rientro potrete regalare solo calamite e sidro, perchè il burro si sarà squagliato e mentre i biscotti li avrete sicuramente mangiati ancora prima di partire per il viaggio di rientro!

Non sto a spiegarvi la particolarità di questi biscotti!

 Come posso spiegare l'assoluta friabilità di questa burrosissima frolla, che rimane tale per piu' giorni , 

il retrogusto leggermente salato dato dal fior di sale, che li rende divini con il caffè!!

ma anche solo il fatto che i Bretoni li chiamino Troau mad (cose buone) dovrebbe convincervi a provarli.

Quando li ho acquistati mi è venuto il leggero sospetto che fossero ipercalorici,

non dalla confezione e neanche dalla foto, ma il fatto che nel pacchetto ci fossero 8 biscotti.. dico 8! ebbene il sospetto mi ha sfiorato! Roba che per accaparrarsi l'ultimo si rischia un duello da mezzogiorno di fuoco!

Per farvi capire la quantità di burro che contengono, vi dico solo che andrebbero cotti in particolari stampi.. tipo piccole crostatine (che io ovviamente non ho.. quindi ho rimediato con lo stampo dei muffin) infatti se non c'è un contenitore si "spiattellano" irrimediabilmente, mentre la loro particolarità consiste proprio nello spessore di almeno 1 cm e mezzo .

INGREDIENTI per 20 biscotti

  • 300 g di farina 00,
  • 4 tuorli,
  • 160 g di zucchero,
  • 160 g di burro bavarese (tipo Lurpak o Meggle) a pomata,
  • 10 g di lievito per dolci,
  • 3 bei pizzichi di Fior di sale.. (o sale comune),
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o i semi di mezza bacca). 

PROCEDIMENTO

-In una ciotola unite burro e zucchero e montateli per qualche minuto, aggiungete i tuorli uno per volta, unite i successivo solo quando il precedente è completamente montato.

- Incorporate anche, vaniglia, sale, lievito e la farina poco alla volta, mescolando con un cucchiaio fino ad ottenere un impasto morbidissimo.

- Copritelo con una pellicola e mettetelo in frigo per almeno 12 ore (io l'ho preparato alla sera e ho cotto la sera dopo).

-Accendete il forno a 180° statico,e solo quando il forno è a temperatura togliete l'impasto dal frigo.

-Ungete e infarinate lo stampo (o gli stampini) da muffins.

-Con l'impasto formate delle palline da circa 30 grammi (grandi come una piccola noce),e posizionatele negli stampi.

-Cuocete pe 25/30 minuti e lasciate raffreddare su una gratella.

-Ora preparate un bel caffè e gustatevelo con una Palet Breton!

Note:

-A meno che non abbiate 2 teglie da muffin ,dovrete fare 2 infornate, tra una cottura e l'altra tenete le palline in frigo.

-La ricetta tradizionale prevede l'uso del burro demi salee, io non l'ho trovato, c'è quello salato ma dà troppa sapidità, a mio gusto è meglio burro normale di ottima qualità piu' il sale.

-Se non vi siete spaventati per la quantità di burro, sappiate che questa frolla è spettacolare anche da crostate.

-Le palline potete anche congelarle e conservarle in freezer, a forno caldo vanno direttamente in cottura e da congelate il risultato è ancora migliore.

-In scatole di latta o sacchetti di cellophan mantengono la friabilità per almeno 3 settimane..quindi psono perfetti per i regali di Natale!

Ciao!

Simona




lunedì 9 novembre 2020

CHIPS DI BUCCE DI ZUCCA

 



Non ditemi che buttate le bucce della zucca!!

come ho già scritto QUI  ,acquistare verdura bio, vi da la possibilità di utilizzarla tutta, così eviterete di buttare nel secchio dell'umido una bella percentuale dei vostri acquisti.

Queste chips, sono il classico "una tira l'altra", uno spezza fame sano, perfette per accompagnare l'aperitivo ma anche come contorno, poi magari metteteci a fianco una salsina facile facile, questa che ho fatto io è con yogurt greco, senape e limone, ma anche una ketchup va benissimo.

Quindi, quando cuocerete la zucca al forno ricordatevi di tenere le bucce !

INGREDIENTI

  • Bucce di zucca cotta (ma anche cruda, leggi i fondo),
  • pangrattato,
  • parmigiano grattugiato
  • aglio in polvere.

sale, pepe, olio extravergine d'oliva

PER LA SALSA

  • Yogurt greco,
  • senape,
  • succo di limone, olio extra vergine d'oliva

 -Accendete il forno a 200° statico o 190° ventilato.

-Fate un mix pangrattato, parmigiano, sale ,pepe e un pizzico di aglio disidratato.

-In una ciotola mettete le bucce tagliate a pezzetti, passate un filo d'olio e mescolatele bene.

-Cospargetele con il mix di pane, parmigiano e spezie, controllando che siano ben panate.

-Posizionate le chips su carta forno ,passate un filino d'olio, un' altro pizzico di sale e pepe e cuocete 15 minuti.

Se nel frattempo volete preparare la salsa, 

Unite uno yogurt greco con 2 cucchiai di senape, il succo di mezzo limone e un cucchiaino d'olio..(volendo, ci stanno bene anche 2 gocce di Tabasco),mescolate bene a crema.

Note:

se avete la friggitrice ad aria a 200° bastano 6/7 minuti.

Se avete le bucce crude , in forno occorrono  10 minuti in piu' e devono essere girate a metà cottura, oppure cuocetele 5 minuti in acqua bollente, poi asciugatele bene con lo scottex.

Servitele calde..ma sono buone anche fredde.

ciao!

Simona

venerdì 6 novembre 2020

FARAONA ALLA BIRRA

 

Se arrivano ospiti a pranzo, non ci sono problemi per il primo e il dessert,
il secondo è quello che manda in crisi quasi sempre!
La preparazione della faraona alla birra è
di una semplicità disarmante..anche abbastanza light! se nella stessa teglia aggiungete anche 2 patate  tagliate a cubotti e 1 cipolla a fette,avrete anche il contorno!
Ma se avete ospiti vegetariani..ciao,ci vediamo al prossimo post!😂





INGREDIENTI
  • 1 faraona tagliata a pezzi,
  • 1/2 bicchiere di aceto di vino ,
  • 1/2 bicchiere d'acqua,
  • 3 foglie di alloro,
  • una decina di bacche di ginepro,
  • 1 ramo di rosmarino,
  • 2 spicchi d'aglio in camicia,
  • olio extra vergine d'oliva,
  • 250 ml di birra,
  • sale,pepe.
-In una padella mettete i pezzi di faraona con l'aceto,l'acqua ,l'alloro e 4/5 bacche di ginepro,coprite con un coperchio e cuocete a fuoco medio fino a che la carne sbianchisce completamente,poi spegnete e lasciate raffreddare.

-Accendete il forno a 190° in modalità statica.

-Togliete la pelle dai pezzetti di faraona,(io la tolgo perchè è molto grassa, ma se a voi piace lasciatela).

-Versate l'olio (3 cucchiai )  in una teglia da forno, aggiungete la faraona, (e se volete aggiungere patate e cipolle ,o anche solo patate) irrorate con metà della birra, aggiungete rosmarino , aglio, qualche altra bacca di ginepro ,salate e pepate a piacere, passate un filo d'olio e cuocete per 40 minuti.

-Trascorso questo tempo, togliete la teglia dal forno girate i pezzi di carne (mescolate le patate), aggiungete il resto della birra, e continuate la cottura altri 10 minuti, sarà pronta quando la carne prenderà un bel color rossiccio .
Ecco fatto!

Ps: se volete, una volta fredda potete anche congelarla, mettetela in un contenitore che possa passare dal freezer al forno (io uso i monouso di alluminio ),per scongelarla mettetela direttamente in forno caldo a 180° senza scoprirla per 35/40 minuti.
Ciao!
Simona

mercoledì 4 novembre 2020

PANE,ZUCCA E PECORINO

 



E' passato Halloween, in cui abbiamo visto qualsiasi cosa cucinata con la zucca.. quasi quasi anche il dentifricio.. e stop, vedo un sacco di bloggers che sono già catapultate al Natale!

Natale.. quest'anno non so che Natale sarà, ma di sicuro non sento proprio l'atmosfera Natalizia, anzi.. tutt'altro.

Quindi, io continuo le mie ricette Autunnali, con la signora Zucca.

Questa  teglia/torta/sformato.. chiamatela come volete è davvero gustosa, si può preparare in anticipo e cuocere al momento, si può riscaldare ed è comunque buonissima, è un secondo, un antipasto, è perfetta in un buffet, ma anche al pranzo in ufficio 

Eppoooiiii..è semplicissima da fare, la cosa piu' difficile sarà sbucciare la zucca.

E siorre e siorri..questa è una ricetta senza dosi, 

cosa volete di piu' ?!?

INGREDIENTI

  • zucca,
  • fette di pane raffermo, o anche da toast,
  • Pangrattato,
  • Pecorino stagionato grattugiato (o Parmigiano),
  • Olio extra vergine d'oliva, sale, pepe,
  • qualche rametto di rosmarino.
  • aglio (facoltativo),
  • pancetta affumicata (facoltativo).
  • aglio 

PROCEDIMENTO

-Accendete il forno a 200° statico.

-Ungete una teglia e spolverizzatela di pangrattato.

-Sfregate le fette di pane con uno spicchio d'aglio (se vi piace) e posizionatele nella teglia fino a coprire tutto il fondo ,salate a piacere.

-Tagliate la zucca a fettine spesse poco piu' di mezzo centimetro, e posizionatele sopra alle fette di pane sovrapponendole un po', poi spolverizzatele con il pecorino, un po' di pan grattato (per fare la crosticina),se la gradite cospargete anche i cubetti di pancetta affumicata e qualche aghetto di rosmarino.

Passate sale, pepe e un filino d'olio ,e cuocete per 35/40 minuti.

Ciaoo!

Simona










lunedì 2 novembre 2020

ZUPPA DI GAMBI DI BROCCOLI E PATATE

 


Se acquistate verdura Bio, sicuramente spenderete un pò di piu',però potrete mangiare tutto evitando di buttare l'80 per cento del peso acquistato di moltissimi ortaggi.
Questa zuppa, che è un vero confort food autunnale è buonissima sia con dei semplici crostini che con dei cereali o della pasta.
Le rosette dei broccoli, sono buone in tutti i modi, come contorno, gratinate ,o per condire la pasta ..poi i gambi che costituiscono la maggior parte del nostro acquisto, va a finire nel bidone dell'umido, è un vero peccato perchè è saporito come le punte, e così anche le foglie, provate!
Se avrete l'accortezza di tagliarla a pezzetti piccoli ..o tritarli con un blender sarà anche velocissima da preparare, io ne preparo sempre una bella pentola poi la suddivido in contenitori ermetici e congelo,
è sempre una gran comodità avere una cena pronta in freezer!

INGREDIENTI per 4 persone

  • 2 gambi di broccolo Bio di media grandezza,
  • 2 patate medie,
  • 1 scalogno (o mezza cipolla ),
  • 2 pezzi di croste di parmigiano,
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva,
  • sale aromatizzato (sale, aglio, rosmarino ..quello per arrosti), peperoncino.
  • 4 fette di pane raffermo, aglio, olio extra vergine  di oliva.
  • 4 cucchiai di Parmigiano grattugiato.
-Sbucciate le patate, lavate i gambi dei broccoli e con un pelapatate togliete la parte piu' esterna, tagliateli a pezzetti molto piccoli (oppure tritateli con un blender).
-Tritate  lo scalogno (o la cipolla) e mettetelo in una pentola con l'olio ,accendete il fuoco medio/basso e appena lo scalogno è rosolato aggiungete anche il trito di broccoli e patate, cuocete con coperchio per 5 minuti .
 -Aggiungete 1 litro di acqua bollente, mescolate e unite le croste di parmigiano precedentemente lavate e spazzolate, una punta di cucchiaino di peperoncino essiccato, 1 cucchiaino di sale aromatizzato cuocete per una ventina di minuti con coperchio, poi fate un passaggio con il pimer frullando anche le croste di parmigiano.
-Mentre cuoce la zuppa preparate i crostini .
-Tagliate il pane a cubetti, metteteli in padella con un cucchiaio di olio e uno spicchio d'aglio, salate e cuocete fino alla tostatura.
-Appena la zuppa è pronta, suddividetela nei piatti, aggiungete i crostini e abbondante parmigiano grattugiato.
Buona cena!
Ciao!
Simona